Google+ Followers

sabato 25 febbraio 2012

Si sentiva la mancanza di una… lobby salesiana !

Erano state appena diffuse le agenzie di stampa con la notizia dell’introduzione dell’IMU sugli immobili della Chiesa destinati ad attività commerciali, ed ecco che, mentre la CEI restava in silenzio, si elevava immediata la protesta dell’Ordine Salesiano che gestisce 140 istituti scolastici in Italia.
A dare man forte ai salesiani non potevano mancare alcuni esponenti del PdL, da un lato solidali con la lobby salesiana e dall'altro dimentichi che, solo pochi giorni prima di lasciare il Ministero, la loro collega Mariastella Gelmini con un colpo di mano aveva deciso di incrementare di 245 milioni di euro i già multimilionari contributi versati  dallo Stato Italiano alle scuole private.
In ogni caso, l’Ordine Salesiano nella sua protesta è arrivato a sostenere che far pagare l’IMU agli istituti scolastici paritari sarebbe addirittura in contrasto con la stessa Costituzione in quanto la scuola privata paritaria, poiché svolge un servizio pubblico, avrebbe i medesimi doveri e diritti delle scuole statali.
Peccato che agli illuminati rappresentanti dell’Ordine Salesiano sia sfuggito (quasi certamente si tratta di semplice disattenzione!) che la Costituzione Italiana all’art. 34 reciti: “La scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi , hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi”.
Evidentemente, all’Ordine Salesiano, non devono essere chiari i due concetti costituzionali indicati dall’art. 34.
Infatti, diversamente  da quanto previsto dalla Costituzione Italiana, l’Ordine Salesiano fa dell’istruzione scolastica una vera e propria attività mercantile, sia perché alle scuole salesiane non possono accedere tutti (è loro discrezione accettare o no un’iscrizione), sia perché, le rette scolastiche richieste consentono l'accesso solo ai rampolli di quelle famiglie che dispongono di cospicue risorse economiche.
Dal momento che queste sono le modalità con le quali i salesiani, mercanti di istruzione, svolgono la loro missione, c’è da domandarsi con quale faccia tosta possano protestare per la legittima applicazione dell’IMU !  

1 commento:

Anonimo ha detto...

tra la prescrizione del nano......questa delle scuole private......per oggi sono ABBASTANZA incazzata.....ciao