Google+ Followers

martedì 16 dicembre 2014

Una strenna per mafiosi, corruttori e corrotti

Nell’ascoltare le parole di Matteo Renzi che ha ufficialmente annunciata la candidatura dell’Italia per le Olimpiadi 2024, ho maturate due certezze.
La prima è che … per raggiunti limiti di età il destino mi esonererà dall’assistere a quei giochi olimpici, dato e non concesso che siano assegnati al nostro Paese.
La seconda è che oggi sarà un giorno di festa per i figli e nipoti di mafiosi, corruttori e corrotti che potranno brindare ai sicuri affari che si spartiranno partecipando al business delle Olimpiadi.
Come non ricordare che nella notte in cui il terremoto distruggeva L’Aquila e falcidiava centinaia di vite umane, l’impresario Pierfrancesco Gagliardi e suo cognato Francesco Piscitelli se la sghignazzavano fantasticando sui lucrosi appalti che avrebbero ottenuto per la ricostruzione ?
Perché mai mafiosi, corruttori e corrotti non dovrebbero sghignazzare, oggi, ascoltando Renzi ed immaginando il sontuoso banchetto olimpico al quale potranno prendere parte ?
Qualche economista ha già previsto che le Olimpiadi 2024 potrebbero costare all’Italia non meno di 10 miliardi di euro alcuni dei quali, “nun c’è bisogn ‘a zingara p’andiviná”, finiranno per arricchire come sempre i soliti maneggioni impuniti di ogni specie, politici e non.
D’altra parte sarebbe sufficiente sfogliare le cronache degli ultimi decenni per rendersi conto che non c’è stato un solo evento, organizzato nel nostro Paese, che non abbia generati scandali, evidenziate ruberie di ogni genere, e realizzate opere inutili ed abbandonate alla incuria.
Senza risalire troppo indietro negli anni è ancora vivo il ricordo della allegra gestione, nel 2006, delle Olimpiadi invernali di Torino costate all’erario, cioè a tutti noi, oltre 3 miliardi di euro tra costi di gestione e spese per investimenti, molti dei quali  abbandonati da tempo per gli eccessivi costi di manutenzione.
Come non ripensare agli oltre 400 milioni di euro di denaro pubblico, prelevati dalle tasche di noi tutti e dilapidati alla Maddalena per realizzare faraoniche strutture che avrebbero dovuto ospitare il vertice del G8; opere incompiute che stanno cadendo a pezzi nel disinteresse generale ?
E che dire dello sperpero di centinaia di milioni di fondi pubblici per finanziare le strutture della Città dello Sport che nel 2009, a Roma, avrebbero dovuto diventare sede dei Mondiali di Nuoto ?
Siamo nel 2014 e non solo questo monumento allo spreco non è ancora ultimato, ma per i lavori di completamento e di ristrutturazione sarebbero necessari altri 500 milioni.
Hanno riempite le cronache di queste settimane i riscontri della corruttela che ha avvelenato, a Milano, l’allestimento di EXPO 2015.
Tutti eventi che avrebbero dovuto renderci orgogliosi se non fossero stati infettati dai tentacoli della onnipresente piovra della corruzione.
Per questo mi domando: perché Renzi si illude che le cricche del malaffare, che hanno dato prova di essere molto ben introdotte nei gangli del potere politico ed economico, dovrebbero astenersi proprio dal succulento pranzo delle Olimpiadi ?
Non solo, ma nel giorno in cui Bankitalia comunica che il debito pubblico ha raggiunta la astronomica cifra di 2.157 miliardi, è un atto di incoscienza candidare l’Italia per le Olimpiadi 2024, senza alcuna prospettiva di poter prima risanare le finanze del Paese.
È pur vero che Renzi è convinto che lui certamente non sarà più a Palazzo Chigi nel 2024, per cui toccherà a qualcun altro sbrogliarsela, ma se è così allora la candidatura alle Olimpiadi si profila come un grave atto di disonestà politica.
Aveva fatto bene Mario Monti, temporaneo presidente del Consiglio, a rifiutare la candidatura italiana alle Olimpiadi 2020 proprio per non scaricare su altri i conseguenti obblighi per le casse dello Stato.
D’altra parte non può sfuggire che, se il Paese è così gravemente indebitato, lo si debba a tutti i governi che, spendendo e spandendo a cuor leggero il denaro pubblico, hanno scaricato sugli italiani e sugli anni successivi il fardello delle loro scelte inconsulte.
Forse l’imbonitore Renzi ha pensato di usare la candidatura alle Olimpiadi come un facile e spendibile spot di autocompiacimento, senza riflettere sul fatto che, probabilmente, la maggioranza degli italiani angosciati da una crisi senza fine, possa non condividere neppure questa sua scelta. 

Nessun commento: