Google+ Followers

martedì 5 maggio 2015

A malincuore verso l’astensionismo

Era il 1953 quando per la prima volta sono entrato in una cabina elettorale per partecipare alle elezioni politiche.
Essendo trascorsi più di 60 anni non sono assolutamente in grado di ricordare se ero emozionato per il fatto che, con il mio voto, avrei contribuito alla vita democratica del Paese.
Non ricordo neppure se fui influenzato, in qualche modo, nella scelta del partito per cui votare.
Mi sentirei, però, di escluderlo perché fin da ragazzino sono stato sempre insofferente a vincoli ed imposizioni, motivo per il quale dicono che io abbia un caratteraccio.
Da quel 1953, comunque, non ho mai disertate le urne perché consideravo il voto un dovere civico, anche se non ho mai contribuito, con il mio voto, a far vincere le elezioni a chicchessia.
Ahi… ahi… ahi… senza volerlo mi sono tradito !
Senza rendermene conto ho usato  l’imperfetto indicativo “consideravo”.
In realtà questa sera ho la sensazione, sempre più netta, che quelle del 2013 siano state le ultime elezioni che mi hanno calamitato ai seggi.
Da qualche ora, infatti, la Camera dei Deputati, con l’emiciclo semideserto per l’Aventino attuato dalle opposizioni, ha approvata la nuova legge elettorale, l’indecente Italicum in odore di incostituzionalità.
L’ultima fiammella di speranza è che il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, si rifiuti di firmare e, quindi, promulgare questa legge rinviandola alle Camere.
Una speranza non infondata dal momento che Mattarella era uno dei giudici della Consulta che il 4 dicembre 2013 ha dichiarato incostituzionale il Porcellum.
D’altra parte non potrà di certo sfuggire ad un attento  costituzionalista, come Mattarella, che l’Italicum sia in palese linea di continuità proprio con il Porcellum del quale ripropone alcuni dei vulnus di costituzionalità.
Ad esempio, anche l’Italicum attribuisce ai segretari dei partiti la prerogativa di nominare i “capilista bloccati”, cioè di scegliere quei candidati che godranno della certezza di essere eletti, lasciando invece agli elettori poche chance di vedere eletti i candidati da loro preferiti e votati.
È fin troppo chiaro che ogni segretario di partito blinderà come “capilista” i suoi fedelissimi, cioè valletti, galoppini e damigelle che mai potranno opporsi ai voleri del capobastone.
Se, poi, alla certezza di fare eleggere i cortigiani si somma l’assurdo spropositato “premio di maggioranza” che sarà attribuito sempre e comunque, di fatto con l’Italicum si concretizzerà una gestione egemonica ed autoritaria del potere da parte del presidente del consiglio.
Poiché, con il previsto ricorso al ballottaggio, il “premio di maggioranza” se lo potrebbe attribuire anche un partito che, al primo turno, abbia ottenuto, ad esempio, il 20/25% dei voti validi, è fondato il rischio che il Paese possa finire governato, con un potere pressoché assoluto, da qualcuno che rappresenti solo una sparuta minoranza degli italiani.
Per questo, poiché alla mia età, e per rispetto delle nuove e future generazioni, non intendo concorrere alla instaurazione di un sistema totalitarista, finirò per stracciare la tessera elettorale così da non essere neppure tentato sulla strada delle urne.

Nessun commento: