Google+ Followers

mercoledì 9 marzo 2016

Armiamoci e partite !

Non è trascorsa neppure una settimana da quando, dopo aver fatto i diavoli a quattro per ottenere l’investitura ufficiale, Matteo Renzi e Paolo Gentiloni si esibivano in dichiarazioni roboanti sulla rilevanza ed il prestigio che l’Italia avrebbe acquisito con il comando dell’intervento internazionale in Libia contro l’Isis.
Ai primi di marzo, infatti, il ministro della difesa USA, Ash Carter, aveva dato l’assenso formale alla richiesta del governo Renzi dichiarando: “L’Italia, essendo così vicina, si è offerta di prendere la guida in Libia delle forze in campo per la stabilizzazione del paese e la lotta all’Isis”.
Assenso confermato anche dal generale statunitense Donald Buluc in una intervista rilasciata al Wall Street Journal.
Negli stessi giorni la ministra della difesa, Roberta Pinotti, dissertava  in Parlamento della organizzazione, a Roma, di una vera e propria “war room” per il coordinamento delle operazioni, indicando in circa 5000 uomini le forze che l’Italia avrebbe messe in campo.
Insomma, se non proprio venti di guerra, di certo nel nostro Paese soffiava una preoccupante brezza, dal momento che perfino il molto silente Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, aveva ritenuto opportuno convocare al Quirinale il Consiglio Supremo di Difesa.
Senonché l’onnipresente Matteo Renzi, ospite perfino del salotto televisivo molto pop di Barbara D’Urso, dopo la consueta autocelebrazione dei suoi successi si è esibito in una funambolica retromarcia affermando “…con me presidente l’Italia non invaderà la Libia” e considerando fantasticherie da videogioco la notizia che il nostro Paese avrebbe inviati 5000 militari in territorio libico.
Evidentemente impaurito dai sondaggi che indicano la contrarietà degli italiani ad un intervento  in Libia, Matteo Renzi ha cambiata idea, proprio lui che fino a poche ore prima si vantava di aver ottenuto per il nostro Paese la leadership per il comando delle operazioni militari.
Fatto sta che queste dichiarazioni salottiere di Renzi hanno spinto l’Ambasciatore USA a Roma, John Philips, a rispondergli a stretto giro non solo confermando che “… spetta all’Italia decidere e definire i dettagli del suo impegno in Libia”, ma rimarcando anche come fosse stata l’Italia ad “… indicare pubblicamente la sua volontà di inviare circa cinquemila uomini”.
Nulla di nuovo sotto il cielo renziano … ancora una figura perecottaia !

Nessun commento: