Google+ Followers

venerdì 15 luglio 2016

Vittime di un sistema ?

Oramai sembrerebbe non fare più notizia, però anche in questi giorni i Carabinieri hanno scoperti e denunziati 23 dipendenti del Comune di Boscotrecase, in provincia di Napoli, che  si comportavano da “furbetti del cartellino” o strisciando il badge per poi uscire e dedicarsi a faccende private, oppure strisciando i badge di loro colleghi, così presi dai loro affari da non avere neppure il tempo di passare in ufficio per simulare la presenza.
L’inchiesta coinvolge 30 dei 100 dipendenti del Comune.
Da mesi i casi  di “furbetti del cartellino” emergono a decine e centinaia, da Nord a Sud, mettendo in evidenza quanto sia  diffusa, nella Pubblica Amministrazione, la marcescente consuetudine di truffare le istituzioni fingendosi presente sul posto di lavoro.
Sarà pur vero che sarebbe avventato fare di ogni erba un fascio, però che questi comportamenti fraudolenti siano stati scoperti qua e là e che si abbia notizia unicamente di coloro colti sul fatto dalle operazioni, inevitabilmente solo casuali, dei militi dell’Arma, autorizzano a presumere che il marcio sia ben più esteso di quello che ci raccontano le cronache.
Ritornando, però, al caso del Comune di Boscotrecase trovo sconcertante che il sindaco, Pietro Carotenuto, non abbia saputo dire altro che “…rischiamo di dover chiudere il Comune !”, di fronte alle prove che il 30% dei dipendenti comunali truffava la istituzione che lui rappresenta.
Secondo Carotenuto i provvedimenti disciplinari e giudiziali che interesseranno i 30 dipendenti malfattori, non solo renderanno inattivi gli uffici anagrafe, stato civile, politiche sociali ed ambiente, ma colpiranno anche il comandante della polizia municipale, il capo della ragioneria ed il vice segretario comunale.
Mi piacerebbe domandare al signor Sindaco: possibile che né lui né i suoi più stretti collaboratori si siano accorti di ciò che avveniva sotto i loro occhi ?
Perché non sono intervenuti prima che i Carabinieri smascherassero i manigoldi ?
Non solo, ma come hanno operato fino ad oggi quegli uffici, dei quali il sindaco paventa la chiusura, se già erano falcidiati dal truffaldino assenteismo di dipendenti in tutt’altre faccende affaccendati ?
La verità è che nel caso di Boscotrecase, così come in tutte le vicende che sono fino ad oggi venute a galla i “furbetti del cartellino” hanno potuto fare i comodacci loro, truffando le istituzioni, con la connivenza di dirigenti e funzionari che avrebbero dovuto gestire i loro collaboratori ed esigere il rispetto delle regole più elementari.
Per questo riterrei giusto che i primi a pagare fossero proprio quei dirigenti  e funzionari che hanno preferito voltarsi da un’altra parte e fingere di non vedere i comportamenti fraudolenti che avvenivano sotto i loro occhi.
Una connivenza senza giustificazione alcuna !
Ma il succedersi di questi eventi disonesti suggerisce anche altre amare considerazioni.
Alla disonestà di questi dipendenti pubblici deve essere imputata la scarsa qualità e la lungaggine dei servizi cui il cittadino è costretto a sottostare  ?
O forse,i casi di malcostume che continuano ad emergere sono ininfluenti sui servizi al cittadino per la ridondanza degli organici della pubblica amministrazione, gonfiati a dismisura per colpa del clientelismo, della invadenza dei partiti politici, del voto di scambio, della cecità sindacale, etc. etc. ?
Oppure, invece, come hanno confessato alcuni “furbetti” pizzicati a Foggia: “Noi siamo vittime di un sistema consolidato. Se non timbri per i colleghi assenti, in ufficio ti emarginano fino a toglierti il saluto.” ? 

Nessun commento: