Google+ Followers

giovedì 29 maggio 2014

Alla fine chi ha perse le elezioni ?

Elezioni europee ?
Scusi … ma io non c’ero … se c’ero dormivo … e se non dormivo stavo guardando un altro programma !
Questo, più o meno, il ragionamento che, a due giorni dalle elezioni, vorrebbero propinarci i due grandi sconfitti di domenica 25 maggio: Beppe Grillo e Silvio Berlusconi.
Grillo e Berlusconi sono stati umiliati, più ancora che dal risultato uscito dalle urne, dal colossale fallimento degli obiettivi che, con tanta boria e molta faccia tosta, loro stessi avevano proclamati in campagna elettorale.
@   @   @
Prendiamo, ad esempio, Beppe Grillo.
Grillo, ma in verità anche Casaleggio, erano così sicuri di trionfare, e non semplicemente di vincere, da aver divulgata, con settimane di anticipo, la agenda dettagliata delle azioni che avrebbero messe in atto da lunedì 26 maggio 2013.
  • Di buon mattino, marcia su Roma per circondare il Palazzo del Quirinale ed imporre le dimissioni a Giorgio Napolitano.
  • Trasferimento immediato di Giorgio Napolitano a Cesano Boscone, presso la casa di riposo per anziani.
  • Via Web elezione del nuovo Capo dello Stato indicato dai militanti (ovviamente pilotati).
  • Dimissioni coatte di Matteo Renzi e del governo in carica.
  • Incarico ad un governo M5S con il premier Luigi Di Maio ed i ministri Grillo e Casaleggio.
  • Scioglimento di Camera e Senato.
  • Immediata chiamata dei cittadini alle urne per eleggere un nuovo Parlamento.
  • Svolgimento di processi popolari, in rete, a carico di politici, giornalisti ed imprenditori.

   Per ogni fase del programma era previsto il commento ululato di vaffa, scurrilità a gogò, volgarità e villanie rivolte ad avversari e giornalisti (con esclusione dei benemeriti Marco Travaglio ed Andrea Scanzi), etc.
Purtroppo per Grillo, Casaleggio ed i grullini, le urne hanno riservata loro una batosta titanica in grado di tramortire persino una mandria di tori.
Figuriamoci come devono esserci rimasti loro che non sono tori ma solo clown e saltimbanchi da fiera paesana.
Come se non bastasse, anche la certezza di Grillo di conquistare una delle due regioni in ballo, tra Piemonte ed Abruzzo, si è rivelata infelice.
Per questo è inquietante che, dopo qualche ora, fingendo di aver attutito il cazzotto da knock-out, Grillo abbia voluto dire una delle sue stronzate, confermando così che, per controbilanciare il suo scarso livello intellettivo, si è dotato di una spocchia senza freni.
Secondo il guitto genovese, infatti, il M5S non ha vinto perché “quest’Italia è formata da generazioni di pensionati che non hanno voglia di cambiare” !
A parte il fatto che le “generazioni di pensionati” esistevano anche quando lui delirava di trionfi plebiscitari, mi chiedo se sia mai possibile che Grillo non riesca a capire che gli italiani, nella loro stragrande maggioranza, sono persone civili, mature e democratiche e, proprio per questo, intolleranti di esseri come lui che, invece, fanno della inciviltà, della  villania, dei vaffa e del turpiloquio il loro unico credo.
@   @   @
Che Silvio Berlusconi, per dirla alla francese, sia un blagueur, di certo non è una scoperta di queste ore.
Che l’ex cavaliere sia un commediante, più incline a raccontare barzellette che ad accettare il confronto con interlocutori non lacchè, è un dato di fatto.
Che al signore di Arcore piaccia denigrare gli avversari, salvo poi atteggiarsi a povera vittima se qualcuno gli rende pan per focaccia, è noto alle cronache non solo italiane.
C’è una peculiarità, però, esclusiva di Silvio Berlusconi, ed è la sua capacità di dire qualcosa ed il suo contrario, riuscendo sempre a sostenere che gli altri, in particolare quei cattivoni di sinistra, non capiscano o travisino le sue parole.
È più o meno quello che è accaduto anche con la lettura dei risultati elettorali di domenica.
Quando Giovanni Toti affermava: “se Forza Italia alle europee supera il 20% sarà un successo”, era stato subito smentito da Berlusconi … e da Dudù.
Berlusconi, infatti, aveva posta l’asticella al 25% e si era detto sicuro che Forza Italia avrebbe raggiunto l’obiettivo.
Ora, trattandosi di numeri era impossibile non capire o equivocare.
Eppure la farsa si è ripetuta !
Dopo molte ore, lenita la prostrazione da tracollo, il cacciaballe si è ripreso e  ha tentato uno dei soliti giochi di prestigio.
Il target del 25%, secondo Berlusconi, comprendeva tutte le componenti del centrodestra, per cui sommando al 16,8% di Forza Italia, il 4,4% del Nuovo Centrodestra ed il 6,2% della Lega Nord, l’obiettivo è stato raggiunto ed anche superato.
Insomma, come volevasi dimostrare, Berlusconi, Dudù e Forza Italia sono usciti anche loro in trionfo dalle urne europee.

Nessun commento: