Google+ Followers

venerdì 18 maggio 2012

La Francia chiama … ma l’Italia è sorda


Appena rientrato a Parigi, dopo il tête-à-tête con Angela Merkel, ieri François Hollande ha convocato il primo Consiglio dei Ministri, presenti Jean-Marc Ayrault ed i 34 Ministri e Sottosegretari, per munirsi di forbici e tagliare del 30%, con effetto immediato, lo stipendio suo e di tutti i Ministri !
Lo stipendio di Hollande e di Jean-Marc Ayrault è passato, così, da € 21.300 ad € 14.910, mentre quello dei Ministri si è ridotto da € 14.200 ad € 9.940 !
Nello stessa riunione i Ministri si sono impegnati a tagliare del 10% sia gli organici che i budget di spesa dei loro ministeri.
Ciliegina sulla torta: Hollande ha invitati i Ministri a respingere ogni tipo e forma di regali ed a privilegiare il treno all’aereo per le loro missioni.
All’ordine del giorno del prossimo consiglio dei ministri è già previsto il taglio degli stipendi, per i manager pubblici; stipendi che dovranno essere compresi nel rapporto massimo di 1 a 20 in relazione al salario percepito dal loro dipendente con la retribuzione più bassa.
Bel colpo Monsieur Hollande ! Chapeau !
Però la fatalità ha voluto che, per una perversa e provocatrice coincidenza, mentre   a Parigi venivano fatte scelte moralizzatrici, a Roma, in Campidoglio, scoppiava invece la rivolta dei consiglieri comunali.
Ieri mattina, ad ogni consigliere capitolino, era stata recapitata una lettera, inviata dal Segretario Generale Liborio Iudicello, che conteneva l’invito a “viaggiare in classe economy in aereo, in seconda classe in treno, ed a pernottare in alberghi a tre stelle” nel caso di viaggi per missioni proprie dell’incarico.
Con la stessa missiva il Segretario Generale informava i consiglieri di aver impartite disposizioni agli uffici di controllo affinché non rimborsassero spese anomale, non documentate o non giustificabili e, nel caso rilevassero “profili di responsabilità anche solo omissivi provvedessero senza indugio a produrre apposita denuncia ai competenti organi dell’autorità giudiziaria”.
Apriti cielo ! Al grido di “lesa maestà” i consiglieri capitolini sono entrati in agitazione.
Ma come può permettersi, il Segretario Generale, di disconoscere i privilegi della Casta ?
Nel pandemonio generale, tra i più esagitati il consigliere del PdL, Federico Mollicone, che, secondo copione, sbraitava “…noi siamo stati eletti dal popolo sovrano, non può trattarci come suoi impiegati !”.
Ecco saltare fuori puntuale il “popolo sovrano” dal quale il consigliere Mollicone ignora di essere stato eletto non per spendere e spandere sperperando il denaro dei contribuenti, cioè proprio il denaro di quel “popolo sovrano” che oggi sta vivendo momenti di lacrime e sangue.
Mi verrebbe quasi voglia di urlare “Vive Hollande et vive la France!”.

Nessun commento: