Google+ Followers

lunedì 14 maggio 2012

Un possibile candidato Premier ? Bersani no !


È  sempre avventato vendere la pelle dell’orso prima di averlo catturato.
Sembra, invece, che dalle parti del Partito Democratico non tengano conto di questo detto popolare,  visto che ormai da mesi si accalorano solamente su chi dovrebbe essere il candidato Premier alle prossime elezioni politiche … e non su come vincerle.
Il pomo della discordia è rappresentato dalle “primarie”.
Alcuni, a cominciare da Nichi Vendola e Matteo Renzi, insistono perché sia il popolo democratico ad indicare il candidato premier.
Bersani ed il suo entourage, invece, controbattono sostenendo che debba ritenersi tuttora valido il risultato delle “primarie 2009”.
Purtroppo, nel modo di ragionare dei politici nostrani, come sempre, la priorità non è discutere di programmi e del come realizzarli, ma è azzuffarsi sul nome di chi dovrebbe occupare una poltrona, qualunque essa sia, non riflettendo neppure sulle “skill” necessarie per svolgere un certo incarico.
Fatta questa premessa ed in assenza di un programma politico, enunciato da ogni partecipante, in base a quali fattori potrebbe decidere il popolo delle “primarie” ?
In base al colore degli occhi, alla statura, allo scilinguagnolo o al colore della cravatta ?
Peraltro, non sarebbe neppure sufficiente basarsi solo su un programma politico se poi al candidato che lo propone mancassero le capacità per realizzarlo ed una leadership riconosciuta .
Un Premier, infatti, dovrebbe essere innanzitutto uno statista, cioè una persona dotato di una visione prospettica che caratterizzi la sua azione attraverso scelte finalizzate all’interesse presente e futuro del Paese.
Ad un Premier compete anche l’onere di rappresentare e patrocinare gli interessi del Paese nei contesti internazionali, sapendo combinare, di volta in volta, abilità di mediazione, prudenza e determinazione.
Un Premier, cioè, che sappia farsi apprezzare nei rapporti internazionali ed acquisire il prestigio indispensabile perché sia credibile nel tutelare gli interessi del suo Paese.
Per anni l’Italia è stata governata e rappresentata da un Premier, Silvio Berlusconi, il cui credito internazionale era praticamente molto prossimo allo zero.
Proprio per questo al futuro Premier sarà chiesto di esprimere un salto di qualità che, a mio avviso, Bersani non sarebbe in grado di assicurare.
Non che lo siano Matteo Renzi, Nichi Vendola, Antonio Di Pietro od altri soggetti dello sconfortante panorama politico italiano, sia a destra che a sinistra.
Per questo, per il bene del Paese e per avere qualche possibilità di successo alle prossime elezioni politiche, il PD dovrebbe sottoporsi ad un bagno di umiltà, uscendo dallo schema partitico e dai vincoli delle possibili alleanze per scegliere un candidato Premier capace e che sia espressione della società civile.

Nessun commento: