Google+ Followers

martedì 18 marzo 2014

Se anche i preti glorificano l’illegalità …

Nei giorni scorsi il presidente del Bayern Monaco, Uli Hoeness, è stato condannato, in primo grado, a 3 anni e 6 mesi per frode fiscale.
Una notizia come tante che non avrebbe richiamata l’attenzione dei media internazionali nemmeno per la popolarità del Fuβball Club Bayern München, detentore della Champions League.
Sennonché, a suscitare tanto clamore sono state le parole con cui Uli Hoeness, dopo aver rassegnate le dimissioni da presidente del Bayern Monaco, ha commentata la sentenza di condanna.
“Dopo aver parlato con la mia famiglia ho deciso di accettare il giudizio del tribunale di Monaco sulla mia vicenda fiscale. Ho dato incarico ai miei legali di non andare in appello. L’evasione fiscale è stato l’errore della mia vita, accetto le conseguenze di questo errore. Questo corrisponde al significato che do al decoro, al comportamento ed alla responsabilità personale.”
Decoro … comportamento … responsabilità personale !
Sono parole sconosciute nel linguaggio dei politici, boiardi di Stato, manager aziendali, di casa nostra.
Infatti, il nostro è un Paese nel quale non solo un condannato, per gravi reati fiscali, non andrebbe mai in galera, ma dove ci tocca assistere all’inqualificabile comportamento di un pregiudicato che, dopo tre gradi di giudizio, si rifiuta di accettare la sentenza dei giudici e lo lasciano libero di sragionare contro la magistratura.
In Germania, invece, il signor Uli Hoeness non solo ha riconosciuta la sentenza di primo grado ma, per sua scelta, rinunciando a ricorrere in appello ha deciso, di fatto, di affrontare il carcere per scontare 3 anni e 6 mesi di reclusione.
Eppure, Hoeness non è un extraterrestre piombato per caso tra di noi, è un signore che vive e lavora a meno di 500 chilometri da Milano, in una nazione occidentale, membro dell’Unione Europea, esattamente come l’Italia.
Per questo ho il dubbio che i valori etici possano variare in base alla latitudine.
Un dubbio non irragionevole se, nel giudicare reati quali, ad esempio, la corruzione, la frode fiscale, la truffa, il meretricio ideologico, la ruberia di denaro pubblico, l’opinione pubblica dà prova di essere suggestionata dalla diversa dislocazione.
In verità, infatti, un caso come quello di Uli Hoeness non potrebbe verificarsi mai in Italia, perché il nostro è un Paese in cui regnano impudenza ed ipocrisia, dove un mafioso criminale come Riina non riconosce né la legge né i giudici, nel quale i politici attraverso l’immunità rivendicano di fatto l’impunità, dove la ruberia del pubblico denaro non indigna più nessuno.
Forse, anche per questo, gli italiani si sentono poco europei, ed i francesi, tedeschi, svedesi, olandesi, diffidano degli italiani.
Può darsi che sia un punto di vista troppo intollerante, ma come non restare di sasso ed irritarsi se anche un prete di Sacra Romana Chiesa stravolge la moralità e rinnega la giustizia ?
Un certo don Antonio Mazzi, brandendo il “perdono cristiano” come se fosse l'arma per un regolamento di conti, è arrivato a dire: “sarei capace di perdonare chi ammazza qualcuno, se chiede perdono, ma non perdonerei mai i giudici che hanno condannato Berlusconi!”.
Se, nel nostro Paese, anche un prete di Santa Romana Chiesa approva “cristianamente” l’immoralità e, sempre “cristianamente”,  condanna chi applica la legge … allora abbiamo raschiato il fondo del barile !

Nessun commento: