Google+ Followers

giovedì 23 agosto 2012

Professor Monti… ora è troppo ! 3.950 vecchie lire per un litro di benzina!

 
Egregio Professor Mario Monti,
sarà, forse, perché non ho mai smesso di pensare che, al momento di passare dalla lira all’euro (era il 1° gennaio 2002 ed a Palazzo Chigi c’era Berlusconi !), il Governo di allora ne abbia sottovalutate le conseguenze e non abbia adottati i più elementari accorgimenti per assicurare una traslazione “morbida ed indolore”.
Sappiamo tutti cosa si sarebbe dovuto fare ed invece non si è fatto.
Anche per questo sono convinto che non aver adottate neppure le più normali cautele non sia stata una semplice negligenza bensì una chiara scelta, presa con l’intento di truffare gli italiani e consentire gli indebiti arricchimenti di alcuni.
Fatto sta che, oggi, con la benzina che ha sfondato il tetto dei 2 euro (alla pompa sotto casa un litro di verde costa € 2,04 !) io non possa fare a meno di pensare che, in realtà, per un litro di benzina mi viene chiesto di sborsare 3.950 lire del vecchio conio !!!
Ora, ai più giovani 3.950 lire non vorranno dire nulla, a Lei ed a me, invece, ricordano l’equivalente, fino al 31 dicembre 2001, ad esempio di 3 caffè e 3 croissant !
Oggi, con € 2,04 va ancora bene se in un bar di periferia ci servono un caffè con brioche.
Ma torniamo all’insostenibile prezzo della benzina, sul quale grava ancora perfino la prima accise introdotta nel 1935 da Mussolini per la guerra in Abissinia.
A questo momento, dunque, (sperando sempre che domani Lei non decida di introdurre una nuova accise) su un litro di benzina gravano accise per € 0,728.
Siccome, però, l’Italia è il paese dei paradossi, sulle accise, che sono già delle tasse, grava anche l’IVA, per cui, di fatto, il peso effettivo su ogni litro di benzina è di € 0,88 !
Naturalmente, dal canto loro i petrolieri, servendosi delle accise come pretesto, continuano imperterriti con le loro indecenti speculazioni esibendo, di volta in volta, il costo del barile, o il cambio dollaro/euro, o i costi di raffinazione, etc.
Di fronte a questa situazione, molto gravosa per gli italiani, ho l’impressione che Lei, Professor Monti, ed i suoi ministri stiate alla finestra senza aver fatto fino ad oggi nulla di concreto e di risolutivo.
Avete perso il treno delle liberalizzazioni per mettere ordine e riorganizzare il comparto della distribuzione dei prodotti petroliferi.
Non avete esteso a centri commerciali e grande distribuzione l’opzione di dotarsi di stazioni di servizio.
Non avete agevolata l’apertura di stazioni di servizio “low cost”.
Non siete riusciti nemmeno ad ottenere dai petrolieri un allineamento dei prezzi dei carburanti al reale valore delle scorte, evitando cioè che siano gli utenti a finanziare le scorte future.
Beh … non saprei proprio come definire questo se non un fallimento totale dell’azione del suo Governo in questo campo.
Mi permetta un impertinente suggerimento.
Perché, professor Monti, non prova a telefonare al suo collega François Hollande per farsi dire cosa sta facendo lui per ridurre le accise e mettere a punto il sistema di regolazione dei prezzi petroliferi, in Francia ?
Potrebbe essere una telefonata che la maggioranza degli italiani certamente apprezzerebbe molto.
Cordialmente ! 

Nessun commento: