Google+ Followers

domenica 25 agosto 2013

Che smemorati questi Onorevoli !

Mi consolo dando la colpa alla smemoratezza senile benigna, quando non ricordo qualche episodio accaduto venti o trenta anni fa.
Per contro, nonostante l’età, ricordo molto bene gli anni più recenti della mia vita, avendo presente anche fatti del tutto insignificanti.
Per questo resto perplesso quando, persone molto più giovani o fingono di non ricordare o, addirittura, negano di aver fatta o detta una certa cosa.
Ho sempre il dubbio, infatti, che in alcune situazioni possa essere la malafede a suggerire di negare o fingere smemorataggine.
Prendiamo il caso, ad esempio, di una amazzone consacratasi al berlusconismo, Laura Ravetto.
La signora Ravetto, quarantaduenne piemontese, è in Parlamento oramai da tre legislature, dapprima con la casacca di Forza Italia, e dal 2009 con quella del PdL.
Tra le soldatesse berlusconiane dà prova di essere sicuramente una delle più agguerrite ed aggressive, particolarmente abile nel dare sulla voce ai suoi interlocutori per impedire loro di esprimere le proprie idee.
Un comportamento poco democratico, ma soprattutto arrogante e villano.
Eppure, nonostante questi suoi riprovevoli modi di fare la signora Ravetto è ospite di molti talk show nei quali ha occasione di esibire la sua insolenza.
Proprio partecipando, nei giorni scorsi, ad un talk show in TV, questa amazzone berlusconiana è scivolata sulla buccia di banana della memoria.
Di cosa si poteva dibattere in quel talk show se non della “agibilità politica” di Berlusconi ?
Ebbene, la guerriera Ravetto si è scagliata, secondo copione, contro la Legge Severino, pontificando: “La Legge Severino è incostituzionale. Parlo da giurista !”.
In effetti, Laura Ravetto, essendo laureata in giurisprudenza ed avvocato, potrebbe anche celebrarsi come giurista.
Però, proprio dal momento che si vanta di essere una giurista, non si comprende come mai Laura Ravetto non si sia resa conto della incostituzionalità della Legge Severino quando l’ha votata, insieme a tutti i colleghi del PdL, gli stessi che come lei oggi sbraitano indemoniati.
Davanti a questa semplice osservazione la battagliera amazzone è scivolata sulla buccia di banana della sua memoria.
Infatti, stizzita, la signora Ravetto con la sua vocina gracchiante ha negato di aver  mai votata la Legge Severino.
Non solo ma, con tracotanza ha invitato la sua interlocutrice a controllare i registri delle votazioni.
Detto fatto !
Mi è bastato navigare qualche minuto nel sito Openpolis per scoprire che la signora Ravetto ha mentito spudoratamente, oppure ha finto di non ricordare le leggi che ha votato, oppure ha ammesso di votare senza sapere che cosa e perché, oppure  …!
Oppure ha scelto di battere il cammino della malafede pur di non riconoscere che, con il voto suo e dei suoi sodali PdL, anche lei, amazzone consacratasi alla causa berlusconiana, ha contribuito ad inguaiare proprio il pregiudicato Berlusconi.

Nessun commento: