Google+ Followers

mercoledì 22 febbraio 2012

Un summit di "predicatori"

Le agenzie di stampa stanno lanciando, in queste ore, la notizia che domani sera dovrebbe avere luogo un incontro al vertice tra i due più famosi  "predicatori" del momento; uno laico ed uno monastico.
Accomunati dalla presunzione di essere i depositari della verità assoluta, non lesinano arroganza e spocchia sia nel parlare che nell'atteggiarsi.
Il predicatore laico, Michele Santoro, vanta una lunga esperienza di talk show avvicendati tra RAI e Mediaset, e si caratterizza per la sua faziosità e per l'intolleranza verso chiunque non la pensi come lui.  
Con una certa ipocrisia Santoro invita come ospiti delle sue trasmissioni personaggi che notoriamente sono molto lontani dalle sue verità assolute, salvo poi non concedere loro la possibilità di esporre in modo compiuto le loro idee  dando loro sulla voce per zittirli.
Il predicatore monastico, Adriano Celentano,  per contro vanta una brillante carriera come cantante, autore, regista, attore.
A differenza di Santoro che vive per apparire in TV, Celentano centellina le sue apparizioni, ma da troppo tempo, ormai, approfitta di queste sporadiche occasioni per servirsi delle sue canzoni di successo ed intercalarle con interminabili silenzi alternati a sermoni logorroici su temi religiosi, politici, naturalistici, moralistici, sociali, etc..
La sua boria, in occasione dell'ultimo festival di Sanremo, ha debordato al punto di condannare alla chiusura due testate giornalistiche la cui linea editoriale non è a lui gradita.
Al summit, oltre ai due "predicatori" non potrà mancare naturalmente il "gran disfattista", Marco Travaglio, che ha saccheggiato dal vocabolario di Gino Bartali, l'indimenticato campione di ciclismo, la massima "l'è tutto sbagliato l'è tutto da rifare" ! La differenza è che... Gino Bartali era simpatico !
Su cosa evangelizzeranno noi poveri umani  in questo incontro al vertice ?

1 commento:

Anonimo ha detto...

si...santoro è di parte.....non lo nasconde.....ma pure tu sei di parte ....lo si capisce molto bene.....celentano.....meglio se canta