Google+ Followers

mercoledì 10 luglio 2013

Da Cassazione e Standard & Poor’s … che giornata!

È bastato che la Cassazione fissasse al 30 luglio la prima udienza del processo Mediaset perché, subito, la confraternita pidiellina tuonasse contro il nuovo complotto ordito dalla solita magistratura politicizzata.
Questa volta, ad andarci di mezzo, però, è anche il Corsera che ieri mattina, approfondendo gli aspetti tecnici del processo, secondo i pidiellini avrebbe suggerito alla Cassazione di accelerare la fissazione dell’udienza.
Tra i più scalmanati, come sempre si è distinta la barricadiera Santanchè che, starnazzando, ha incitato il popolo del PdL all’insurrezione.
È ridicolo che, a scatenare l’ira del PdL sia un processo in ballo da oltre 8 anni, iniziato cioè il 22 aprile 2005 con il rinvio a giudizio di Berlusconi.
Così come è da ipocriti far finta di non ricordare come Berlusconi si diede da fare per bloccare le conseguenze di quel rinvio a giudizio.
Possibile che i pidiellini non ricordino più che il 5 dicembre 2005, in fretta e furia Berlusconi fece votare la Legge ex Cirielli?
Ed è possibile che abbiano dimenticato anche che, proprio grazie alla Legge ex Cirielli, durante il processo di primo grado la Corte abbia dovuto considerare estinti i reati commessi, negli anni precedenti,  di “appropriazioni indebite”, “falso in bilancio” ed in parte la “frode fiscale”?
Possibile, inoltre, che non ricordino che la Legge ex Cirielli costrinse il Tribunale di Milano a dichiarare estinti, nel 2012, anche i reati relativi all’anno 2001?
Insomma, per effetto della Legge ex Cirielli il processo Mediaset ha persi pezzi strada facendo.
Infatti, la Cassazione è chiamata, oggi, a dibattere la sentenza di secondo grado del processo Mediaset, circoscritta ai soli reati, non ancora prescritti, relativi al 2002 (evasione di 4,9 milioni) ed al 2003 (evasione di 2,4 milioni).
Sennonché, nel prossimo autunno, per la Legge ex Cirielli, andrebbero in prescrizione anche i reati del 2002, per cui la Cassazione, se non vuole dibattere del nulla, è costretta a lottare contro il tempo.
La speranza di Berlusconi e dei suoi zerbini, però, era proprio che con la prescrizione fosse cancellata anche la sentenza di appello.
Vuoi vedere che questa volta hanno fatto un buco nell’acqua?
Per questo, dopo più di 8 anni che i belusconiani accusino la Corte di Cassazione di “una fretta sospetta” è quantomeno grottesco!
@   @   @
Sono costretto a restare ancora in casa PdL dopo aver ascoltate le parole di Fabrizio Cicchitto a commento della visita di Papa Francesco a Lampedusa.
È evidente che a Cicchitto sia andata di traverso la frase del Papa “no alla globalizzazione della indifferenza”.
Parole indirizzate alla classe politica, non solo italiana, perché affronti con umanità e solidarietà il problema della immigrazione.
Ebbene, come ha reagito Cicchitto a questo richiamo?
Con una affermazione sprezzante ed insolente: “Un conto è la predicazione religiosa, un altro conto però la gestione da parte dello Stato di un fenomeno così difficile e complesso”.
Perbacco che parole inquietanti!
Da oggi, infatti, i cittadini italiani sanno che la politica, nella concezione di Cicchitto, rifiuta di trattare con umanità e solidarietà i problemi della gente.
@   @   @
A rendere più complicata la giornata di ieri è arrivata, in serata, la bastonata di Standard & Poor’s che ha tagliato il rating dell’Italia a BBB con outlook negativo.
È la conferma che il nostro Paese, per i mercati finanziari, non resta solo un sorvegliato speciale, ma che gli scenari in prospettiva non sembrano essere rasserenanti.
Come reagiranno i mercati a questo nuovo schiaffo, ma soprattutto Enrico Letta riuscirà a frenare le pretese scialacquatrici dei suoi compagni di governo?

Nessun commento: