Google+ Followers

sabato 3 novembre 2012

Obama, Romney e … l’Italia


Sembrerebbe che, in questi ultimi giorni, l’Italia sia diventata tema di scontro, tra Obama e Romney, nella corsa per la Casa Bianca.
Romney utilizza il nostro Paese come spauracchio, per gli elettori americani, affermando che la politica di Obama ridurrebbe a mal partito gli USA, facendogli fare la fine dell’Italia.
Obama, invece, ricorre all’immagine di un italo-svizzero-canadese, Sergio Marchionne, per tranquillizzare gli americani sul futuro dello stabilimento Chrysler, dove sono prodotte le Jeep.
In un caso come nell’altro, non possiamo inorgoglirci per il fatto che l’Italia sia entrata nella campagna elettorale a stelle e strisce.
Auguriamoci solo che i due contendenti si dimentichino dell’Italia, in questi ultimi quattro giorni, che precedono il voto, perché, secondo gli osservatori, il confronto tra Obama e Romney si farà particolarmente tossico ed incattivito, e non sarebbe lusinghiero che il nostro Paese fosse preso ad esempio come il peggiore di tutti i mali.
Anche negli USA, come in tutti i paesi del mondo, le campagne elettorali sono caratterizzate da scontri feroci, da eccessi di ogni genere, da silenzi ipocriti, e da promesse di grandi bufale.
Ad esempio, Romney sta promettendo agli americani 12 milioni di nuovi posti di lavoro, una panzana madornale secondo il parere di eminenti economisti.
Sorge perfino il dubbio che, a fianco del leader repubblicano, ci siano gli stessi esperti, impiegati da Berlusconi, quando garantì che avrebbe creato un milione di nuovi posti di lavoro, ben sapendo di prendere per i fondelli gli italiani, tutti, ed in particolare di abbindolare gli sciocchi creduloni che, con il loro voto, lo avrebbero mandato di nuovo a Palazzo Chigi.
La vera fortuna dei politici, di ogni colore, in ogni angolo della terra, è che esistono moltitudini di sprovveduti, sempre pronti ad abboccare alle fregnacce di illusionisti e fattucchieri.
Già li possiamo vedere all’opera qui da noi, in queste settimane, mentre scaldano i muscoli in vista delle elezioni 2013, buggerandoci con l’idea che le “primarie” siano un momento di “partecipazione democratica”.
Ma dai, è una balla !
Pensare di votare alle primarie è un po’ come voler partecipare ad una partita a poker, sapendo per certo che le carte sono truccate e che uno dei giocatori è un baro di professione !

Nessun commento: