Google+ Followers

martedì 18 dicembre 2012

Barbara D’Urso va in estasi per Berlusconi

 
Premetto che domenica pomeriggio stavo seguendo le partite del campionato di calcio, il che vuol dire che, per mia fortuna mi sono salvato dall’assistere in diretta all’intervista che la showgirl, Barbara D’Urso, ha fatto a Silvio Berlusconi, ovviamente su Canale 5, la principale rete di Mediaset.
Però, oggi, dopo aver letti ed ascoltati molti giudizi su questo evento, quasi tutti poco lusinghieri, ho avuta la curiosità di rendermi conto, personalmente, di quanto fosse successo e, così, navigando in web ho finito per sciropparmi il video dell’intervista.
Mamma mia, che noia !
Era palese che tutte le domande fossero state concordate prima, tanto è vero che la D’Urso ne aveva dimenticata una e Berlusconi si è fatto cogliere fuori onda, mentre gliela ricordava. 
Sollecitato da una smorfiosa e languida Barbara D’Urso, Berlusconi, da un lato, ha tirati fuori i soliti argomenti, triti e ritriti, tornando a proporre le note fanfaronate sull’intenzione di ridurre le tasse e di cancellare l’IMU, sui suoi successi internazionali, etc., dall’altro, ha riaffermate le sue ossessioni sui comunisti e sulla persecuzione di cui sarebbe vittima da parte della magistratura.
Barbara D’Urso era in estasi, porgeva le domande con piaggeria, a volte sbattendo le ciglia, a volte ammiccando con sorrisini ebeti, a volte sgranando gli occhi come se fosse davanti ad una divinità, a volte vezzeggiando nel corteggiare quel principe azzurro.
Ma il culmine della ruffianeria l’ha raggiunto quando, dopo che Berlusconi aveva annunciato di essersi fidanzato con una ragazza più giovane di lui di 50 anni, si è lasciata andare ad un “che carino” !
Un complimento appropriato per un bambino in fasce, ma non certo per un quasi ottantenne.
Sono stati quasi 90 minuti di uno spettacolo tra il farsesco, il surreale ed il nauseabondo.
Lo spettacolo sarà replicato questa sera su un altro canale Mediaset, Rete 4.
Purtroppo, ancora nel 2012 tutto ciò è possibile grazie a Massimo D’Alema, ed ai suoi compari del centrosinistra, che per un piatto di lenticchie si sono venduti a Berlusconi, rinunciando ad approvare la legge sul conflitto di interessi, quando erano al governo.
Ci toccherà, così, assistere ad una nuova campagna elettorale che vedrà Berlusconi onnipresente in TV, avvalendosi di una personale armata televisiva, attraverso la quale potrà con le sue panzane infinocchiare gli elettori, nei prossimi 60 giorni che ci separano dalle elezioni.

Nessun commento: