Google+ Followers

mercoledì 26 dicembre 2012

Il pensiero politico di Jose’ Pepe Mujica

Giorni fa, in un precedente post, accennavo al desiderio di ritornare sul discorso che Jose’ Pepe Mujica, Presidente dell’Uruguay, aveva pronunciato dalla tribuna del G 20, svoltosi in Brasile nello scorso mese di giugno.
Sarebbe, però, presuntuoso e sciocco, da parte mia, se mi proponessi di interpretare o chiosare tali parole, per cui mi limiterò a riportare la traduzione italiana del suo discorso.
Prima, però, mi sembra opportuno ricordare che il 77enne Jose’ Pepe Mujica, noto come il “presidente più povero del mondo”, è la persona che, dall’emolumento di 12.000 dollari mensili, che gli compete per il suo ruolo istituzionale, trattiene per sé solo 750 dollari (che corrispondono al reddito medio dei cittadini uruguaiani) devolvendo tutto il resto in aiutp dei più poveri, continua a vivere nella sua modesta casa in campagna e, quando è libero da impegni istituzionali, si dedica a lavorare la terra.
Sotto il profilo economico, l’Uruguay, del quale Jose’ Pepe Murjica è Presidente dal 2010, ha poco più di 3.300.000 abitanti, con un indice di disoccupazione del 6%, un tasso d’inflazione che si aggira sull’8%, ed un prodotto interno lordo (PIL) che è stato del + 5,7% (nel 2011), del + 3,9% (nel 2012) ed è previsto pari al + 4% per il 2013.
Infine, il rapporto Debito/PIL, per il 2012, è inferiore al 55%.
Ed ecco le parole di Jose’ Pepe Mujica.
oooooooooooooooooooo
“Un grazie particolare al popolo del Brasile, ed alla sua Signora Presidentessa, Dilma Rousseff.
Grazie anche alla sincerità con la quale, sicuramente, si sono espressi tutti gli oratori che mi hanno preceduto.
Come governanti, tutti manifestiamo la profonda volontà di favorire gli accordi che questa nostra povera umanità sia capace di sottoscrivere.
Permettetemi, però, di pormi alcune domande a voce alta.
Per tutto il giorno si è parlato di sviluppo sostenibile e di affrancare, dalla povertà in cui vivono, immense masse di esseri umani.
Ma cosa ci frulla per la testa ?
Pensiamo all’attuale modello di sviluppo e di consumo delle società ricche?
Mi domando: che cosa succederebbe al nostro pianeta se anche gli indù avessero lo stessa numero di auto per famiglia che hanno i tedeschi?
Quanto ossigeno ci resterebbe per respirare ?
Più francamente: il mondo ha le risorse materiali, oggi, per rendere possibile che 7 od 8 miliardi di persone possano sostenere lo stesso livello di consumo e di sperpero che hanno le opulente società occidentali ?
Sarebbe possibile tutto ciò?
Oppure, un giorno, dovremmo affrontare un altro tipo di dibattito ?
Perché siamo stati noi a creare la civiltà nella quale viviamo: figlia del mercato, figlia della competizione, che ha portato uno sviluppo materiale portentoso ed esplosivo.
Ma l’economia di mercato ha creato la società di mercato che ci ha rifilata questa globalizzazione.
Stiamo governando noi la globalizzazione oppure è la globalizzazione che governa noi ?
E’ possibile parlare di fratellanza e dello stare tutti insieme, in un’economia basata su una competizione così spietata ?
Fino a dove arriva veramente la nostra solidarietà ?
Non dico queste cose per negare l’importanza di quest’evento, al contrario.
La sfida che abbiamo davanti è di una portata colossale, e la grande crisi non è ecologica, ma è politica !
L’uomo non governa oggi le forze che ha sprigionato, ma sono queste forze che governano l’uomo … ed anche la nostra vita !
Perché noi non siamo nati solo per svilupparci.
Siamo nati per essere felici.
Perché la nostra vita è breve e passa in fretta.
E nessun bene vale come la vita, questo è elementare.
Ma se la vita ci scappa via, lavorando e lavorando per consumare di più, il vero motore del vivere è la società consumistica, perché, di fatto, se si arresta il consumo, si ferma l’economia, e se si ferma l’economia, spunta il fantasma del ristagno per tutti noi.
E’ il consumismo che sta aggredendo il pianeta.
Per alimentare questo consumismo, si producono cose che durano poco, perché bisogna vendere tanto.
Una lampadina elettrica non deve durare più di 1000 ore, però esistono lampadine che possono durare anche 100 mila o 200 mila ore!
Ma questo non lo si può fare perché il problema è il mercato, perché dobbiamo lavorare e dobbiamo sostenere la civiltà dell’usa e getta, e così restiamo imprigionati in un circolo vizioso.
Questi sono i veri problemi politici che ci esortano ad incominciare a lottare per un’altra cultura.
Non si tratta di immaginare il ritorno all’uomo delle caverne, né di erigere un monumento all’arretratezza.
Però non possiamo continuare, indefinitamente, a lasciarci governare dal mercato, dobbiamo cominciare ad essere noi a governare il mercato.
Per questo dico, con il mio modesto pensiero, che il problema che abbiamo davanti è di carattere politico.
I vecchi pensatori, Epicuro, Seneca o finanche gli Aymara, dicevano: “povero non è colui che ha poco, ma colui che necessita tanto e desidera sempre di più e di più”.
Questa è una chiave di carattere culturale.
Per questo saluterò di buon grado gli sforzi e gli accordi che si faranno, e come governante li sosterrò.
So che alcune cose che sto dicendo, possono urtare.
Ma dobbiamo capire che la crisi dell’acqua e del clima non è la causa.
La causa è il modello di civiltà che abbiamo messo in piedi.
Quello che dobbiamo cambiare è il nostro modo di vivere!
Appartengo a un piccolo paese, dotato di molte risorse naturali.
Nel mio paese ci sono poco più di 3 milioni di abitanti. Ma ci sono anche 13 milioni di vacche, tra le migliori al mondo, e circa 8 o 10 milioni di meravigliose pecore.
Il mio paese è un esportatore di cibo, di latticini, di carne.
E’ una pianura e quasi il 90% del suo territorio è sfruttabile.
I miei compagni lavoratori, hanno lottato molto per ottenere le 8 ore di lavoro.
Ora hanno conseguite le 6 ore lavorative.
Ma quello che lavora 6 ore, poi cerca il secondo lavoro, per cui lavora più di prima.
Perché? Ma perché deve pagare una quantità enorme di rate: la moto, l’auto, e paga una rata ed un’altra e un’altra ancora, e quando decide di riposare … è oramai un vecchio reumatico, come me, e la vita gli è volata via.
E allora uno si deve porre una domanda: è questo lo scopo della vita umana?
Queste cose che dico sono molto elementari: lo sviluppo non può essere contrario alla felicità.
Lo sviluppo deve favorire la felicità umana, l’amore per la terra, le relazioni umane, la cura dei figli, l’avere amici, l’avere il giusto, l’elementare.
Perché il tesoro più importante che abbiamo è la felicità!
Quando lottiamo per migliorare la condizione sociale, dobbiamo ricordare che il primo fattore della condizione sociale si chiama felicità umana!
Grazie !”

4 commenti:

Valentino Petrini ha detto...

Discorso epico nella sua semplicità e nelle verità che esprime.
Dobbiamo diffonderlo perché la gente deve riflettere.
Sono convinto che, come me, la stragrande maggioranza delle persone non solo non conosce questo discorso, ma non sa neanche che esistono politici come il presidente Josè "Pepe" Mujica che operano veramente per il bene del paese che amministrano.
Grazie Alex per avercelo fatto conoscere: è una boccata di aria pura nel putridume in cui siamo immersi.

Alex di Monterosso ha detto...

Grazie a te, Valentino, per averlo letto !
Ogni tanto ritorno a leggere queste stupende parole e ti assicuro che ogni volta le apprezzo di più.
Ti saluto con una stretta di mano !

stefano zambon ha detto...

Condivido in pieno e mi piacerebbe stringere la mano a una persona che capo di un governo si esprime contro corrente. Siamo in molti a pensare come lui e lui è il nostro portavoce. Stefano Zambon

Alex di Monterosso ha detto...

La ringrazio per il Suo commento che condivido in ogni parola.
E' uno dei post di questo mio blog che rileggo ogni volta che, purtroppo, ascolto dichiarazioni che mi deprimono per la loro insensatezza e per la loro distanza dai problemi reali del genere umano.
Ancora grazie ed un cordiale saluto
Alessandro Visciani