Google+ Followers

mercoledì 23 gennaio 2013

26 febbraio 2013 … un incubo di fantapolitica !


Mettiamoci comodi, chiudiamo gli occhi, e tormentati dall'incubo della fantapolitica lasciamo che la immaginazione ipotizzi quello che, martedì mattina 26 febbraio 2013, al nostro risveglio dopo una notte trascorsa a seguire exit poll e proiezione, potrebbe essere il nuovo scenario politico.
In Lombardia, Ambrosoli l’ha spuntata su Maroni con uno scarto solo dello 0,75%, tanto è vero che fin dalle loro prime dichiarazioni Berlusconi e Calderoli già ieri sera parlavano di brogli e chiedevano un nuovo conteggio delle schede nulle.
Nel Lazio, Zingaretti ha stracciato di oltre 10 punti percentuali Storace, per cui nessuna accusa di brogli e nessun riconteggio di schede.
C’è gran casino, invece, per quel concerne il risultato delle elezioni politiche nazionali.
Con il 32% dei voti, il Centrosinistra è riuscito ad aggiudicarsi la maggioranza del 55% dei seggi alla Camera, grazie a quella porcata della legge elettorale.  
Il Centrodestra non è andato oltre il 29%, mentre il Centro Montiano è “salito” fino al 18%.
Significativo, anche se inferiore alle attese, il risultato del M5S che, a livello nazionale si è assestato sotto il 13%, mentre Rivoluzione Civile di Ingroia ha superato di poco il 4%.
Preoccupanti, invece, sono i problemi di governabilità che pone la composizione del Senato.
Poiché il Centrodestra ha vinto in Veneto ed in Lombardia, la presenza del Centrosinistra al Senato si è fermata a 154 seggi.
Ma al Senato, per avere la maggioranza occorrono almeno 158 seggi!
Ancora una volta ! Siamo al dejà vu del governo Prodi 2006, anzi peggio !
Nessuno vorrebbe trovarsi, in queste ore, nei panni di Bersani che continua a ripetere a chi gli è vicino: “ma ragassi … che scherso da preti è questo ?”.
Infatti, dopo una campagna elettorale durante la quale tra Centrosinistra e Rivoluzione Civile c’è stata una contrapposizione che, con eufemismo potremmo definire vivace, l’idea di bussare alla porta di Ingroia per chiedere l’appoggio dei suoi 5 senatori, per Bersani sarebbe una pena, come bere un boccale di birra calda.
Peraltro, dato e non concesso che Ingroia acconsentisse, Bersani si troverebbe a capo di un governo condizionato fortemente dalla sinistra più radicale (SEL, Rivoluzione Civile, Fassina con i giovani turchi PD).
Non solo, ma anche con 159 senatori, la vita del governo traballerebbe di continuo, perché sarebbe sufficiente il mal di pancia od il raffreddore di uno o due senatori perché il governo si ritrovasse in minoranza.
Certo, ci sarebbe sempre la possibilità di lanciare un SOS ai 39 senatori Montiani ma, anche se accettassero e non chiedessero in cambio Palazzo Chigi, il loro appoggio scardinerebbe la coalizione di Centrosinistra che si è presentata agli elettori.
E poi, lo spread come reagirà nei prossimi giorni ?
Porca miseria, sta a vedere che ci toccherà tornare alle urne in autunno.

Nessun commento: