Google+ Followers

mercoledì 2 gennaio 2013

La senilità di Berlusconi


È opinione comune che quando un individuo invecchi, metta in rilievo ed esasperi alcuni suoi aspetti caratteriali.
Si è soliti dire che una persona stia invecchiando bene se nella terza età si esaltano le componenti positive del suo carattere come, ad esempio, la sensibilità, l’indulgenza, la disponibilità verso il prossimo, la curiosità per nuovi interessi.
Se, invece, a mettersi in risalto sono, ad esempio, l’irascibilità, l’insensibilità, il rancore, l’insofferenza, la paranoia, allora si dice che sta invecchiando male.
Ora, osservando il modo di fare ed ascoltando le dichiarazioni di Berlusconi, soprattutto in questi ultimi mesi, è ragionevole desumere che l’individuo sia vittima di un invecchiamento repentino e sgradevole.
Ad esempio, è vero che da anni lui si proclama vittima di complotti, orditi dalle toghe rosse, ma in questi giorni questa sua ossessione lo spinge ad immaginare perfino poteri occulti, artefici di un imbroglio dello spread macchinato contro il suo governo e, come se non bastasse, addirittura ad ipotizzare congiure architettate, ai suoi danni, da Napolitano in combutta con le Cancellerie di mezzo mondo.
Siamo in presenza, evidentemente, di una vera e propria paranoia, figlia della folle ostinazione a non voler ammettere che il Paese sia finito sull’orlo del disastro, economico e finanziario, per il fallimento della sua azione di governo.
D’altra parte, se gli fosse rimasto un minimo di lucidità per riconoscere il dissesto da lui provocato, non si scaglierebbe, come un vecchio rancoroso, contro Monti accusandolo non solo di avergli usurpato Palazzo Chigi con una cospirazione, ma anche di non aver realizzate, in tredici mesi e con quella maggioranza patchwork, le riforme istituzionali che lui non era riuscito a fare in diciotto anni di governo.
Sentimenti di animosità sono vivi anche nei confronti di Angela Merkel, da lui già definita una “culona inchiavabile”, alla quale Berlusconi non perdona di averlo irriso per la sua inaffidabilità, in pubblico ed insieme a Sarkozy.
Ma il rancore, che turba le sue capacità intellettive, non si esaurisce qui, come dimostra il suo continuo svillaneggiare Casini e Fini colpevoli, secondo lui, di tradimento solo per non essersi sottomessi al suo dispotismo, e nei confronti dei quali non risparmia né livore né insulti da querela.
Ma la senilità, a Berlusconi, non risparmia neppure sconcertanti perdite di memoria come quando, ad esempio se la prende con Ingroia e Grasso che, secondo lui, in quanto magistrati non avrebbero mai dovuto abbandonare la toga per entrare in politica.
È l’ennesima dimostrazione che oramai l’individuo è fuori di senno.
Non ricorda, infatti, neppure che nella legislatura appena conclusa, tra le file del PdL sedevano in Parlamento non uno ma cinque magistrati scelti da lui.
Alla Camera c’era Alfonso Papa, ed al Senato occupavano uno scanno, Giacomo Caliendo, Roberto Centaro, Pasquale Giuliano e Nitto Palma.
Ahi che brutti scherzi può combinare la vecchiaia !

Nessun commento: